Cosa visitare in Sardegna nelle vicinanze del nostro Hotel Solanas

Arrivare a Solanas è piuttosto semplice; partendo da Cagliari ci sono sue possibili opzioni: si percorre la nuova SS125, imboccando poi l’uscita per il paese di Solanas, oppure procedendo lungo la strada panoramica (SP17) in direzione di Villasimius e seguendo le indicazioni stradali poste lungo il percorso fino al km 25,8 dove incontrerete il bivio che conduce alla località. Oltrepassato il paese dopo poche centinaia di metri si giunge ad un ampio parcheggio che vi porterà sull’arenile di Solanas.

Area marina protetta di Capo Carbonara Area marina protetta di Capo Carbonara
Solanas è un paradiso di pace e tranquillità, adatto alle famiglie, ed è molto apprezzato da chi pratica diving e altri sport acquatici. Nelle giornate ideali con condizioni di vento favorevoli è una meta ideale per i surfisti, inoltre i suoi fondali trasparenti ricchi di fauna e flora marina richiamano gli appassionati di immersioni e snorkeling. Ma da qui è anche possibile fare escursioni in barca lungo la costa per andare alla scoperta dell’Area marina protetta di Capo Carbonara.

Una riserva naturale inaugurata nel 1998 per tutelare diversi ecosistemi, che si estende da Capo Boi fino a Punta Porceddu e comprende l’isola di Serpentera, affascinante e selvaggia e l’isola dei Cavoli, con le sue splendide spiagge mentre nei suoi fondali marini si trova la statua della Madonna del Naufrago, celebrata nel mese di luglio con una processione in barca. Per ammirare al meglio tutto il panorama durante la gita in barca sono previste delle soste sulle spiagge e le calette per nuotare e fare un bagno nelle azzurre acque del mare sardo.

Madonna del Naufrago Madonna del Naufrago
La località di Solanas è anche un ottimo punto di partenza per organizzare delle escursioni a piedi o in mountain bike lungo i sentieri del Parco dei Sette Fratelli – Monte Genis, nel territorio comunale di Sinnai, dichiarato monumento naturale. Un percorso opportunamente segnalato di 24 chilometri che si snoda tra boschi, ruscelli e macchia mediterranea mostrando scenari unici e suggestivi. Un altro sentiero è quello di Punta Minni Minni, che da Solanas giunge fino a Castiadas e Villasimius. Un’escursione considerata tra le più belle in Sardegna, perché oltre all’immenso paesaggio ricco di risorse offre anche con punti panoramici eccezionali, che consentono di spaziare con lo sguardo lungo tutta la costa sudoccidentale dell’Isola, tra Villasimius e Costa Rei.

Carnevale con Is Cerbus Carnevale con Is Cerbus
Ma Solanas è anche un vivace località, famosa non solo per i suoi suggestivi paesaggi naturali ma anche per le sue tradizioni culturali e religiose. Qui – come nel comune di Sinnai – ogni anno, nel periodo estivo, va in scena un ricco programma di eventi, rassegne musicali, sagre e feste in onore dei santi che richiamano un numero sempre maggiore di turisti, quali il mercatino artigianale e degli hobbisti, la Fiera del dolce e Sa Tundidroxa.

Tra le celebrazioni religiose più apprezzate, nel mese di agosto c’è quella in onore di San Giuseppe nel borgo di Solanas, con processioni, spettacoli dal vivo e mercatini, e poi l’immancabile Fiera del cestino, uno degli eventi estivi da non perdere, in cui è possibile ammirare le meravigliose opere di artigianato locale e deliziare il palato con degustazioni di prodotti eno-gastronomici tipici della Sardegna meridionale. Sempre nel mese di agosto si svolge il famoso carnevale con Is Cerbus le tipiche maschere allegoriche sinnaesei e varie rassegne sportive che comprendono tornei di beach volley, calcio, surf, bocce e innumerevoli giochi, serate musicali e balli in spiaggia.

Adiacenti a questa località si trovano altre meravigliose spiagge di sabbia candida con un mare cristallino attrezzate con chioschi bar e ogni confort per una vacanza da sogno sulle coste della Sardegna, come Genn’e Mari e Cann’e Sisa, in località Torre delle Stelle. Dopo circa 8 chilometri si incontrano la vasta spiaggia di Geremeas e Kala ‘e Moru e la meravigliosa Mari Pintau, una vera e propria cartolina con il “mare dipinto”, una piccola spiaggia di ciottoli e fondali sabbiosi.